giovedì 1 ottobre 2015

Guida al ricamo Hardanger o punto norvegese




Non è semplice scrivere di ricamo. È una di quelle cose che è più semplice a farsi che a dirsi. Troppe parole per descrivere il movimento dell'ago tra i fili del tessuto possono talvolta confondere il lettore, anziché guidarlo. Allora in questi casi vengono d'aiuto le immagini, schemi o fotografie, in grado di chiarire giri di parole altrimenti poco comprensibili. Ebbene, Jill Carter, in Guida al ricamo Hardanger o punto norvegese, è riuscita a trovare un giusto equilibrio tra testi e immagini, in grado di accompagnare anche il neofita all'approccio verso questa affascinante tecnica. Le illustrazioni non sono solo esplicative delle spiegazioni per realizzare i diversi punti, ma sono anche spunti per realizzare progetti veri e propri, variazioni sul tema e per mostrare le potenzialità di questa tecnica dove l'unica difficoltà è contare, contare e ancora contare i fili.
Il libro, preceduto da una breve introduzione sulle origini della tecnica Hardanger, è suddiviso in capitoli che man mano si addentrano nella tecnica: i materiali da utilizzare, i punti principali, la preparazione del tessuto e infine alcuni progetti, illustrati in ordine crescente di difficoltà, dall'imparaticcio riassuntivo dei punti appresi ad una deliziosa borsetta da sposa, ognuno corredato di diversi spunti di varianti dall'originale.
Una guida sicuramente utile a chi si approccia per la prima volta ad una tecnica a prima vista ostica, che guida il lettore passo passo nella realizzazione dei punti principali e lo porta ad acquisire una certa padronanza di quest'arte scenografica e molto appagante.
È il libro con il quale mi sono approcciata, partendo completamente da zero, a questa tecnica, dal quale ho appreso i punti base e al quale ricorro ogni qual volta ho un dubbio o necessità di una rispolverata.

Titolo: Guida al ricamo Hardanger o punto norvegese
Autore: Jill Carter
Lingua: italiano
Casa editrice: Il Castello
Pagine: 66
Prezzo: 16,00 €
Tecnica: Hardanger
Voto: 9/10

***




Il n'est pas facile écrire de broderie. C'est une chose qui est plus facile à faire que à en parler. Trop de mots pour décrire le mouvement de l'aiguille entre les fils du tissu peuvent parfois dérouter le lecteur, plutôt que le conduire. Dans ces cas des images sont très utiles: des diagrammes ou des photographies permettent de clarifier circonlocutions autrement difficiles à comprendre. Eh bien, Jill Carter, dans Guida al ricamo Hardanger o punto norvegese, a réussi à trouver un équilibre entre les textes et les images qui peut accompagner un néophyte aussi à s’approcher à cette technique fascinante. Les illustrations ne sont pas seulement explicatives des différents points, mais elles sont aussi source d'inspiration pour réaliser des projets réels, variations sur le thème capables de montrer le potentiel de cette technique où la seule difficulté est de compter, compter et encore compter les fils .
Le livre, précédé par une brève introduction aux origines de la technique Hardanger, est divisé en chapitres qui vont du général au détail: les matériaux à utiliser, les principaux points, la préparation du tissu et enfin un certain nombre de projets, décrits en ordre croissant de difficulté, du sampler qui résume les points appris jusqu'à un délicieux sac à main nuptiale, chacun accompagné de plusieurs variantes de l'original.
Un guide sûrement utile pour ceux qui approchent pour la première fois à une technique difficile à première vue et qui dirige le lecteur pas à pas à la réalisation des principaux points et l'amené à acquérir une certaine confiance avec cette pittoresque et très enrichissante art manuel.
Cest le livre avec lequel je me suis approché, à partir de zéro, à cette technique, grâce au quel j'ai appris les points de base et au quel je fais recours chaque fois j'ai un doute ou besoin de rafraîchir quelque passage.

Titre: Guida al ricamo Hardanger o punto norvegese
Auteur: Jill Carter
Langue: italien
Éditeur: Il Castello
Pages: 66
Prix: 16,00 €
Tecnique: Hardanger
Note: 9/10

8 commenti:

  1. grazie Susanna per queste utilissime recensioni

    RispondiElimina
  2. Davvero molto brava! Sai usare e dosare molto bene le parole, e mi piace molto la descrizione di questo libro! dove era questo libro quando io ho fatto i miei primi passi nel Hardanger? Complimenti Susana, e mi piace molto l'aggiunta delle foto... :)
    baci, e alla prossima, Dona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i tuoi suggerimenti, sempre molto puntuali e dettagliati.

      Elimina
  3. D'accordissimo con i tuoi commenti! :)
    Ho comprato anch'io quel libro qualche anno fa e lo trovo veramente utile. La mia abilità con l'hardanger non è comparabile alla tua, ma per le poche cose che ho fatto è stato indispensabile. E continua ad esserlo!!
    Buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è un ottimo manualetto. Son contenta che la tua esperienza confermi la mia opinione.

      Elimina
  4. Utilissima questa tua recensione, se mai mi cimentassi in questa tecnica sarebbe il mio primo acquisto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo consiglio vivamente, questo libretto!

      Elimina

Grazie per i tuoi commenti - Merci pour tes commentaires